Di Redazione

La Federazione internazionale dei diritti umani (FIDH) e l’Organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT) hanno condannato la repressione subita dal movimento di protesta algerino “Hirak” e dagli attivisti in difesa dei diritti umani ad Algeri da parte delle autorità locali. Le due Ong hanno pubblicato congiuntamente, dal loro osservatorio per la protezione dei diritti umani, uno studio sulla repressione degli attivisti in Algeria tra il 22 febbraio e il 05 maggio 2020. Si tratta di un rapporto che stabilisce una cronologia precisa degli attacchi contro i difensori dei diritti umani in questo paese, più di un anno dopo l’inizio del movimento popolare di Hirak e nel pieno della pandemia da Covid-19, che colpisce anche l’Algeria. Questa repressione, osserva il rapporto, si materializza molto spesso con atti di molestia, anche a livello giudiziario, con arresti arbitrari e detenzioni ingiustificate di detenuti del movimento algerino Hirak.